Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Notiziario Comunicati Stampa Si chiama Mech Toy ma si pronuncia diagnosi precoce dei disturbi neurologici nel primo anno di vita
Azioni sul documento

Si chiama Mech Toy ma si pronuncia diagnosi precoce dei disturbi neurologici nel primo anno di vita

La Scuola Superiore Sant'Anna e IRCCS Fondazione Stella Maris presentano i risultati preliminari dell'innovativo Progetto di ricerca finanziato da Regione Toscana. Mercoledì 22 maggio 2013 ore 9.30 presso Auditorium Virgo Fidelis viale del Tirreno 341 Calambrone (PI)

Calambrone (Pisa) - Si chiama MechToy e già il nome richiama la suggestiva declinazione della meccatronica con il gioco. Stiamo parlando di una nuova piattaforma diagnostica per la diagnosi e per l’intervento precoce dei disturbi dello sviluppo neurologico nei bambini entro il primo anno di vita. La piattaforma, frutto della ricerca scientifica, dell’ingegneria biomedica, e della sperimentazione clinica, è composta da strumenti costruiti dall’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, con la supervisione clinica dell’IRCCS Fondazione Stella Maris di Calambrone.

Un “gioiello” della più avanzata tecnologia applicata alla diagnostica precoce che è tale grazie al finanziamento (400 mila euro in due anni) ottenuto quale vincitore del Programma per la ricerca regionale in materia di salute bandito dalla Regione Toscana nel 2009.

La piattaforma, che consente di realizzare valutazioni delle funzioni motorie, visive e sensoriali nei lattanti, è stata provata su un campione di bambini a rischio per disabilità, ottenendo significativi risultati. E proprio per fare il punto del progetto di ricerca, mercoledì 22 maggio presso l’Auditorium Virgo Fidelis della Stella Maris, in viale del Tirreno 331 a Calambrone, si tiene un workshop internazionale.

Un appuntamento scientifico in cui i protagonisti di MechToy - il Prof. Paolo Dario, Direttore dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna e il Prof Giovanni Cioni, Direttore Scientifico della Fondazione Stella Maris - illustreranno il progetto, presentando i risultati preliminari alla presenza dei rappresentanti di Regione Toscana (tra i quali il Dr. Alberto Zanobini responsabile del Settore Ricerca, Innovazione e Risorse Umane della Regione). Saranno presenti relatori internazionali (C. Von Hofsten, K. Rosander di Uppsala, L. Krumlinde-Sundholm di Stoccolma) che porteranno altri approcci per la diagnosi precoce.

 

Diagnosi precoce, cure tempestive per una migliore qualità della vita. In Italia quasi il 10% dei bambini e degli adolescenti dai 0 ai 18 anni ha problematiche più o meno lievi legate a una qualche disabilità: difficoltà cognitive, linguistiche, motorie, di comportamento soltanto per citarne alcune. Molte sono lievi e poi si recuperano completamente ma sempre in Italia, in questa fascia d’età, il 2.-3% dei bambini e adolescenti ha patologie medio-gravi e circa l’1% ha patologie gravi. Sono le dimensioni di un fenomeno enorme che l’ISTAT ha fotografato e che ci fa capire quanto la disabilità sia un problema cruciale per il nostro Paese. Un bambino su 10, ogni giorno, fa i conti con difficoltà più spesso lievi, ma anche gravi di parlare, di vedere, di sentire, ragionare, muoversi. Per tutti la ricerca scientifica e i nuovi approcci clinici delle neuroscienze hanno fatto passi da gigante: ormai sappiamo che intervenire nei momenti giusti e nel modo opportuno, con le cure più avanzate, evita di trasformare questi bambini in adulti grandi disabili, dando così risposte concrete al disagio personale e familiare e riducendo i costi sociali. Da qui l’importanza di diagnosi precoci per terapie tempestive per una crescita  del bambino nel segno della migliore qualità della cita.

 

MechToy. quando lo screening avviene nel primo anno di vita. La piattaforma diagnostica va nella direzione indicata dalla ricerca e dalle evidenze scientifiche in ambito neurologico, “indagando” nel momento maggiormente indicato per impostare una terapia efficace. “La plasticità del sistema nervoso nei primi anni di vita da un lato è una risorsa, se la si sa cogliere, dall’altro può essere un problema, se non si interviene o lo si fa troppo tardivamente o lo si fa male - spiega il Prof. Giovanni Cioni -. Avere uno strumento diagnostico da utilizzare precocemente, ci consente in mane esperte di impostare il più efficace programma terapeutico”. Come ogni importante scoperta deve avere, MechToy è un sistema che può essere oggetto di brevetto, diventando un prodotto commerciale vero e proprio, ovvero un prodotto da replicare su larga scala e distribuire nei centri clinici specialistici, in Italia ed all’estero. “Il progetto MechToy – sottolinea Paolo Dario, Direttore dell’Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna ha ufficializzato nel 2011 una ricerca sullo sviluppo di giocattoli sensorizzati, CareToy, nata nel 2008 dalla collaborazione tra Istituto di BioRobotica e la Fondazione Stella Maris. I due centri rappresentano riferimenti importanti nel territorio regionale toscano nell’ambito della Biorobotica e della neuropsichiatria infantile e la collaborazione fra queste due aree di ricerca sta aprendo grandi prospettive per la diagnosi precoce e per la riabilitazione di patologie del neurosviluppo”.

 

Dalla diagnosi alla cura: da MechToy a CareToy. La piattaforma diagnostica MechToy non è una scoperta isolata, da essa discende un importante Progetto Europeo di ricerca che si concluderà a fine 2014, per creare un dispositivo adatto per la terapia. E’ CareToy, ovvero giocattoli per la cura, per migliorare il futuro dei bambini a rischio per disabilità. Si tratta di una palestrina intelligente con giochi sensorizzati per la promuovere lo sviluppo dei bambini, specie se nati prematuri, messa a punto dagli stessi team dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna e dalla Fondazione Stella Maris. Caretoy è a casa delle famiglia ma è collegato per via telematica con gli esperti del centro. Ogni giorno può essere utilizzato dalla famiglia per giocare con il bambino, e valuta lo sviluppo delle sue funzioni motorie e sensoriali e le promuove. Assomiglia ai giochi per la prima infanzia presenti in tante famiglie italiane. Invece è il frutto del “matrimonio” tra neuroscienze e alta tecnologia ICT.

 

Regione Toscana, ricerca scientifica per investire nel futuro.  La Toscana è tra le Regioni italiane che più ha investito nella ricerca scientifica come risorsa per il futuro. Una scelta che parte da lontano e ha nel Programma per la Ricerca Regionale in Materia di Salute 2009 uno degli strumenti più efficaci e importanti. Grazie a questo bando Regione Toscana ha selezionato i progetti maggiormente meritevoli di finanziamento. Proprio la profonda qualità delle proposte presentate nell’ambito delle Neuroscienze dal sistema Pisano ha consentito non solo il finanziamento di MechToy ma di altri 4 progetti che vedono come capofila o unità operativa sia la Scuola Superiore Sant’Anna e la Fondazione Stella Maris, insieme o separate, con altre istituzioni. Progetti volti a migliorare la vita di tanti bambini con problemi di disabilità che ora iniziano a mostrare le loro straordinarie capacità applicative.

 

Ultime notizie
02/11/2018 Quando la tecnologia porta a casa elevati livelli di riabilitazione: volge al termine Tele-UPCAT il progetto dell’Irccs Fondazione Stella Maris in collaborazione con la Scuola Superiore Sant’Anna Venerdì 2 novembre dalle 15,30 a Calambrone si terrà il bilancio del progetto di ricerca: “Osservare per imitare, aiuta a imparare e curare”
02/11/2018 lettera dell’avv Giuliano Maffei, in ringraziamento ai tantissimi che hanno fatto donazioni a favore della Fondazione Stella Maris in memoria di Filippo Arpesani AGLI ORGANI DI STAMPA
31/10/2018 Osservare per imitare MI AIUTA ad imparare VENERDI' 2 NOVEMBRE 2018 ORE 15.30 Evento conclusivo del progetto di ricerca: partecipanti, famiglie e ricercatori a confronto
31/10/2018 Mezzanotte di Fuoco Stella Maris ha il carisma di essere una vera testimone di Carità, in quanto da noi la Scienza e l’Amore sono compenetrati
04/10/2018 L’ARIS a proposito dell’open day della riabilitazione indetto dalla CEI Il senso vero dell’accoglienza
Altre notizie…