Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Notiziario Comunicati Stampa Al via a Pisa al convegno sul bambino con ritardo del linguaggio nei primi tre anni di vita
Azioni sul documento

Al via a Pisa al convegno sul bambino con ritardo del linguaggio nei primi tre anni di vita

Venerdì e sabato 9 -10 febbraio all’Hotel Galilei, via Darsena 1 a Pisa

Pisa - II mio bambino ha 2 anni e non parla, cosa devo fare? Questa è una domanda che molti genitori si pongono quando i loro bambini nel secondo e terzo anno di vita non parlano ancora o dicono poche parole. Il ritardo di comparsa del linguaggio rappresenta uno dei più frequenti motivi di consultazione clinica nei primi anni di vita, essendo un fenomeno  che si manifesta in circa il 10%-15% dei bambini di questa età. Anche se in molti casi il ritardo viene superato spontaneamente, senza difficoltà, non sempre è giustificato un atteggiamento di attesa,  in quanto in età precoce il ritardo del linguaggio può sottendere problemi evolutivi diversi quali ad es. disturbi emotivi, cognitivi e  comunicativo- relazionali. Se un bambino tra 2 e 3 anni parla poco o male è quindi consigliabile consultare uno specialista dello sviluppo quale il neuropsichiatra infantile, per cercare di individuare i motivi alla base del ritardo.

La ricerca degli ultimi 20 anni ha messo in evidenza che anche i bambini che presentano come unico problema un ritardo del linguaggio, i cosiddetti  “parlatori tardivi” (late talkers secondo la letteratura anglosassone) costituiscono una popolazione a rischio per difficoltà di linguaggio, disordini emozionali e  successivi problemi di apprendimento.

Il convegno “Inquadramento clinico e percorsi di trattamento nel bambino con ritardo del linguaggio nei primi tre anni di vita”,  organizzato dai responsabili scientifici,  la dott.ssa Anna Maria Chilosi neuropsichiatra infantile e la dott.ssa Renata Salvadorini  logopedista, dell’ IRCCS Fondazione Stella Maris nei giorni di venerdì e sabato 9-10 Febbraio, a Pisa presso l’Hotel Galilei si occuperà di delineare le prassi migliori per identificare e intervenire in questi casi. Interverranno i massimi esperti nazionali del settore a cui spetterà il compito di inquadrare da un punto di vista multidisciplinare il problema della diagnosi precoce dei disturbi del linguaggio e della comunicazione e della eventuale presa in carico riabilitativa. Problemi così complessi non possono essere affrontati da un unico specialista soprattutto in una età in cui i processi di sviluppo sono strettamente legati e con alto potenziale di modificabilità grazie ai meccanismi della plasticità cerebrale, che appare sfruttabile appieno per evitare sequele successive.

Anna Chilosi - Neuropsichiatra Infantile e Renata Salvadorini - Logopedista
Ultime notizie
04/10/2018 L’ARIS a proposito dell’open day della riabilitazione indetto dalla CEI Il senso vero dell’accoglienza
03/10/2018 Giornata Mondiale per la Paralisi Cerebrale Migliorare la qualità di vita per bambini e ragazzi: alla Stella Maris l’incontro promosso insieme alle Associazioni Coordinamento Etico dei Caregiver e ASD EppuresiMuove Avviato nell’Istituto pisano il nuovo Centro Terapia innovative nella Paralisi Cerebrale Venerdì 5 ottobre Auditorium viale del Tirreno 341 (Calambrone)
27/09/2018 Così la realtà virtuale diventa uno strumento di riabilitazione per la mente e il cervello del bambino La novità assoluta in Italia per l’applicazione in età evolutiva presentata dalla Fondazione Stella Maris al Festival internazionale della robotica insieme a progetti come Care Toy, la palestrina biometccatronica per la riabilitazione dei bambini sviluppata con l’Istituto di BioRobotica del Sant’Anna; la piattaforma Tele UPCAT per la riabilitazione a domicilio; i robot umanoidi per la cura dell’autismo; le tecnologie per l’individuazione dei segni precoci di disturbi dello spettro autistico
27/09/2018 L’IRCCS Stella Maris partecipa a BRIGHT 2018, la Notte dei Ricercatori in Toscana: il 28 settembre 2018 è presenti agli stand allestiti alle Logge dei Banchi e al CNR L’IRCCS Fondazione Stella Maris di Pisa è un Istituto di ricerca per la diagnosi e la terapia dei disturbi dello sviluppo neuropsichico (DNP) che colpiscono in Italia e nel mondo 1 bambino od un adolescente su 6, un numero purtroppo in crescita. I suoi ricercatori esplorano i meccanismi più complessi della mente nello sviluppo e nella patologia
20/06/2018 Al via il più grande finanziamento mondiale in grado di trasformare il panorama della ricerca internazionale sull’autismo: tra i partner il team della Fondazione Stella Maris e Università di di Pisa Il più grande finanziamento per la ricerca scientifica nell’ambito dei disturbi del neurosviluppo è stato assegnato dall'Innovative Medicines Initiative a un consorzio internazionale guidato dall'Istituto di Psichiatria, Psicologia e Neuroscienze (IoPPN) del King's College di Londra.
Altre notizie…