Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Attività e organiz. Assistenza, cura e riabilitazione Rischio Clinico
Azioni sul documento

La gestione del Rischio Clinico

La gestione del rischio clinico è un processo che mira ad un miglioramento continuo della pratica clinica attraverso modalità organizzative in grado di individuare e tenere sotto controllo i rischi. Di ridurre al minimo il verificarsi degli errori e di garantire, per quanto è possibile, la sicurezza dei pazienti in tutte le fasi dei percorsi assistenziali.


Il processo di gestione del rischio clinico deve basarsi non sulla ricerca della colpa ma sull’opportunità di apprendere dall’errore. E' importante supportare le abilità e le conoscenze di tutti gli operatori sanitari nonchè la motivazione per identificare e gestire i rischi insiti nell'esercizio della pratica clinica sanitaria per attuare una prevenzione sempre più efficace. il processo di gestione del rischio clinico coinvolge tutti gli operatori sanitari ed è finalizzato a promuovere una cultura di apperendimento dall'errore, a condividere percorsi, protocolli, procedure assicurando anche quell'accountability così importante per la qualità e la sicurezza dei servizi. Si avvale dal punto di vista organizzativo di un referente per la gestione del rischio, il Clinical Risk Manager, di un Gruppo di lavoro aziendale per la Gestione del Rischio Clinico, di  un Comitato per la sicurezza, di un Facilitatore per ogni Presidio e di un programma condiviso.

 Nel processo sono previste alcune fasi: l’identificazione, la valutazione, il trattamento, il monitoraggio e la prevenzione del rischio.


Per ciascuna di queste fasi sono stati  individuati degli strumenti specifici, adottati anche nel nostro Istituto: 

  • l’incident reporting e i giri per la sicurezza (o safety walkaround) per l’identificazione dei rischi,
  • l’audit clinico e le rassegne di morbilità o mortalità ( o M&M ) per la valutazione dei rischi e la formazione del personale in tema di rischi, eventi avversi o potenzialmente avversi,
  • la metodologia F.M.E.A. per l’approfondimento di processi ad alto rischio.
  • verifiche di follow-up, revisione delle cartelle cliniche per il monitoraggio.

 

Per la gestione del Rischio Clinico e la promozione della Sicurezza dei Pazienti nell’anno 2013 si prevedono i seguenti  obiettivi:


- promuovere la cultura della sicurezza,
- rilevare i rischi presenti nella realtà aziendale,
- intraprendere azioni mirate ad individuare, ridurre e prevenire l’incidenza di eventi avversi per pazienti ed operatori,
- migliorare la qualità del servizio offerto ai pazienti,
- dare un ruolo più attivo al cittadino-fruitore, nel nostro caso al genitore del paziente oltre che, quando è possibile, al paziente stesso, mediante un maggiore coinvolgimento nelle attività di gestione del rischio,

- migliorare i livelli di comunicazione: comunicazione interna, comunicazione difficile,

- applicazione di buone pratiche e raccomandazioni del Ministero della Salute
- favorire lo sviluppo di strumenti per la sicurezza del paziente.

Ultime notizie
30/11/2018 Con una parodia comico musicale in vernacolo la Fondazione Stella Maris e il Lions Club Pisa Certosa presentano il Natale solidale pisano Martedì 18 dicembre alle ore 21,30 - Teatro Verdi di Pisa
02/11/2018 Quando la tecnologia porta a casa elevati livelli di riabilitazione: volge al termine Tele-UPCAT il progetto dell’Irccs Fondazione Stella Maris in collaborazione con la Scuola Superiore Sant’Anna Venerdì 2 novembre dalle 15,30 a Calambrone si terrà il bilancio del progetto di ricerca: “Osservare per imitare, aiuta a imparare e curare”
02/11/2018 lettera dell’avv Giuliano Maffei, in ringraziamento ai tantissimi che hanno fatto donazioni a favore della Fondazione Stella Maris in memoria di Filippo Arpesani AGLI ORGANI DI STAMPA
31/10/2018 Osservare per imitare MI AIUTA ad imparare VENERDI' 2 NOVEMBRE 2018 ORE 15.30 Evento conclusivo del progetto di ricerca: partecipanti, famiglie e ricercatori a confronto
31/10/2018 Mezzanotte di Fuoco Stella Maris ha il carisma di essere una vera testimone di Carità, in quanto da noi la Scienza e l’Amore sono compenetrati
Altre notizie…